Comunità montana all’opera in via Pieve di Campo a Ponte San Giovanni

via pieve di campo 001Se strade, marciapiedi, buche, acque di sorgente nascoste da asfalto creano problemi a Ponte San Giovanni, e non solo, almeno la Comunità Montana del Trasimeno si è…rimboccata le maniche, ha arrotato e messo in moto le motoseghe e ha sanato un tratto di strada di Via Pieve di Campo in cui grossi pini e altre piante di minor pregio potevano creare problemi e pericolo con le loro chiome proprio sovrastanti la carreggiata. Vento, pioggia e gelo avevano creato qualche rottura di piccoli rami caduti sui margini della strada e per fortuna che la neve ancora non è arrivata a depositarsi e a creare peso sui rami più grossi e a farli precipitare al suolo. Sullo stesso tratto di strada rimangono i problemi derivati dalla perdita d’acqua dell’ antica Fonte di San Francesco e dai tracciati della banda larga ancora ricoperti, approssimativamente, solo con terra che pioggia, sole e vento hanno lentamente ma progressivamente portato via creando un pericoloso rigagnolo. Per quanto riguarda la Fonte di San Francesco i residenti della zona si sono rivolti alla Pro Ponte perché tra le varie “adozioni” di buche, tombini e marciapiedi potesse assumersi anche l’onore e il merito di ripulire, se non altro, le 3 vasche ricoperte di muschi e altro materiale e il pavimento mattonato perennemente invaso e reso pericoloso dall’acqua che cade in cerca di una via di uscita. Forse è da questa fonte e dalla zona ricca di piccole sorgenti che si creano problemi ai marciapiedi e alla strada del sottopasso che collega via Manzoni a via Pieve di Campo. Basti pensare che, al tempo delle locomotive a vapore, le Ferrovie dello Stato avevano un contratto con un privato, residente proprio di fronte alla stazione ferroviaria di Ponte San Giovanni, per prelevare e rifornire di acqua i serbatoi delle vecchie vaporiere. Ma di queste sorgenti presenti sulla zona non si è tenuto conto durante la realizzazione delle strade. Si spera che se ne tenga conto nei prossimi lavori previsti per il passaggio pedonale che dovrebbe collegare la stazione ferroviaria con la zona di Pieve di Campo, ad evitare che il passaggio non diventi un rigagnolo o una pista di bob quando la temperatura scende sotto lo zero.

(fonte: Gino Goti)

Author: admin

Share This Post On
468 ad