Riqualificazione parco dei cani Snoopy

areapercaniE’ stato discusso l’odg di Camicia sul ripristino erogazione acqua fontanella
 e impianto di illuminazione nel parco Snoopy di Ponte San Giovanni
. L’area verde di Ponte San Giovanni denominata “Snoopy” e riservata agli amici a quattro
zampe – riferisce Camicia – è frequentata dai residenti che portano a spasso i loro cani.
 La stessa, recentemente, ha rischiato la chiusura in quanto il parco richiedeva un’immediata 
messa in sicurezza.
 Con un’apposita segnalazione rivolta agli uffici, Camicia ha richiesto, tra le altre cose, il
 ripristino immediato dell’erogazione dell’acqua dell’unica fontanella presente e d i
illuminare l’area che attualmente risulta ancora completamente al buio.
 Nonostante ciò, ancora non sono stati presi i provvedimenti necessari e, dunque, l’area è 
ancora alle prese con i disagi segnalati.
 Per queste ragioni il consigliere ha proposto di impegnare la Giunta a procedere al ripristino
immediato dell’erogazione dell’acqua della fontanella presente ed a provvedere
 all’ illuminazione dell’area riservata agli amici a quattro zampe, poiché sprovvisto di
 qualsiasi punto luce. 
Il dott. Regnicoli, presente all’incontro, ha riferito che sul tema dell’ illuminazione è emersa 
una possibile soluzione. Sarebbe, in sostanza, possibile illuminare due lati dell’area per cani,
riorientando l’impianto pubblico esistente lungo la strada e riattivando alcune paline
 presenti nella zona. A breve si spera di provvedere in tal senso.
Per ciò che concerne, invece, l’erogazione di acqua, Regnicoli segnala che nella zona sono 
presenti due fontanelle molte vicine tra loro: la prima, perfettamente funzionante, nei pressi
 del campetto da basket, la seconda, quella citata da Camicia, all’interno dell’area per cani.
Quest’ultima ha sempre avuto dei problemi, a causa del malfunzionamento della pompa di




 alimentazione. Per questo si sta pensando di risolvere il disagio,  procedendo al
 collegamento delle due fontanelle tra loro. Tuttavia questa attività non sarà possibile nel
2017 e potrà, eventualmente essere messa nel calendario dei lavori del 2018.
 Mencaroni ha evidenziato che il Pd, per propria natura, crede molto nel verde, specie in
relazione a quartieri come Ponte San Giovanni oggetto di un’eccessiva cementificazione.
 Tuttavia – ha ricordato il capogruppo PD – la maggioranza ha sempre invitato l’opposizione
a non presentare atti di dettaglio ma solo di carattere generale. Ed invece l’odg di Camicia
 risulta essere, evidentemente, un atto di dettaglio. Dunque Mencaroni, tenuto conto delle
molteplici criticità che si registrano nelle aree verdi di Perugia, ha invitato gli uffici a
 procedere ad una ricognizione generale della situazione onde poter presentare un
 programma organico di interventi.
Regnicoli, rispondendo a Mencaroni, ha riferito che le aree verdi in esame (Pont land e area
 per cani) non sono state assegnate ad alcuna associazione nell’ambito dei bandi pubblicati
 dal Comune e, dunque, sono in carico all’Ente. Per quanto riguarda le problematiche
 connesse alla pubblica illuminazione, il funzionario ha ricordato che è già stato predisposto
 dai competenti uffici un piano di riqualificazione generale dei punti-luce della città che
 verrà progressivamente attuato.
 Camicia ha accolto con favore l’ipotesi prospettata da Regnicoli per ciò che concerne
 l’illuminazione dell’area per cani di Ponte San Giovanni. Ha invece espresso perplessità in
merito al rinvio dell’intervento sulla fontanella, ritenendolo semplice e di importo irrisorio.
 Per questo ha invitato gli uffici a procedere con lo stesso tramite gli operai comunali.
 In senso generale il consigliere Gal ha evidenziato che il problema delle manutenzione
 permane a Perugia, soprattutto a causa dell’abolizione delle Circoscrizioni, organismi che
 erano utili per controllare le aree periferiche. 
Mirabassi ha fatto presente che l’Amministrazione non è in grado di procedere con
l’intervento richiesto da Camicia in quanto vi è stata un’errata programmazione dei fondi da
 destinare all’Agenzia Forestale, risultati insufficienti rispetto alle reali esigenze della città.
 Ciò comporta che attualmente il Comune non è in grado di garantire sia la manutenzione
 ordinaria che quella straordinaria nelle aree verdi.
 Nel caso di specie, quindi, trattandosi di un lavoro di scarso importo, il consigliere PD ha
invitato gli uffici a procedere tramite il cantiere comunale.
 Leonardi ha invitato la commissione ad accogliere le valutazioni formulate dal dott.
Regnicoli – a suo dire – estremamente chiaro nel corso del proprio intervento.
 E’ emerso, infatti, che la riqualificazione della fontanella sarebbe tecnicamente e
economicamente possibile fin da subito; tuttavia gli uffici non la considerano una priorità,
sia perché a distanza di 50 metri ce n’è un’altra sia perché si è preferito accantonare delle 
risorse per far fronte, da qui alla fine dell’anno, ad eventuali situazioni emergenziali (neve,
grandine, ecc).
Insomma si tratta di una scelta tecnica precisa e non di mancanza di controlli. Per questi
 motivi la consigliera di Crea Perugia ha invitato Camicia a rinviare la votazione, onde 
verificare se l’intervento potrà essere realizzato ad inizio del 2018.
Camicia ha accolto questo invito con conseguente rinvio del voto.
(fonte: Comune di Perugia)

Author: admin

Share This Post On
468 ad