XX Giugno alla Pro Ponte: serata positiva ricca di progetti sociali e culturali per il futuro

xx giugno pro ponte salaMolto interessante la serata organizzata dalla Pro Ponte, nella propria sede di Ponte San Giovanni, per la proiezione del filmato “XX Giugno 1859-2009″per ricordare i tragici fatti di quella storica data che ebbe il suo inizio di sangue proprio a Ponte San Giovanni con l’uccisione di Pietro Cestellini. Erano presenti i discendenti della famiglia del giovane ucciso dai papalini per i quali ha preso la parola Romeo Cestellini per ringraziare Pro Ponte e autori del filmato. Graditi ospiti l’assessore Lorena Pesaresi e il consigliere Renzo Baldoni, lo storico e consulente del documentario Franco Bozzi, giornalisti, rappresentanti di alcune associazioni culturali e ricreative del territorio e Giampiero Mirabassi che ha proposto tre sue poesie, in lingua perugina, sui tragici fatti del 20 giugno. Un pubblico selezionato che ha saputo apprezzare i contenuti del filmato, realizzato da Astravideo nel 2009, ma mai gratificato abbastanza per i valori storici e culturali che potrebbe trasmettere ai giovani riguardo a quel periodo storico di cui anche gli adulti, presenti alla proiezione, si sono dichiarati soddisfatti per l’utile “ripasso” e il convincente approfondimento fornito da testo e immagini del video. Da Renzo Baldoni è venuta una interessante proposta che potrebbe, per la prossima ricorrenza, coinvolgere la Pro Ponte e l’Associazione dei residenti svizzeri a Perugia per “ricomporre”, in un pacifico incontro riproponendo anche il filmato, la situazione storica di allora che vedeva le truppe svizzere, assoldate dallo Stato Pontificio, contro la cittadinanza di Perugia e autrici della strage cui si richiama il 20 giugno. Antonello Palmerini, presidente della Pro Ponte, si è detto disponibile a lavorare su questa proposta che arricchirebbe l’attività storica e culturale dell’Associazione di Via Tramontani e anche perché proprio a Ponte San Giovanni vive una discendente, da parte di madre, del Colonnello Schmith — comandante delle truppe pontificie -, e i Cestellini discendenti della prima vittima di quei soldati. Gradita dai presenti anche la consueta ospitalità enogastronomica della Pro Ponte che può contare sempre sulla collaborazione di alcune attività economiche operanti nel territorio per proporre “eccellenze” di grosse realtà come il Gruppo Grifo latte per formaggi, salumi e i vini della Cantina dei Colli Amerini, e più modeste realtà come il Frantoio Batta, la pasticceria Alunni, il ristopizzopub Nostrano, la C.B.R. Carni per le loro produzioni di nicchia che stanno conquistando mercato e consumatori non soltanto umbri.
(fonte: Gino Goti)

Author: admin

Share This Post On
468 ad